Ar novo sinnico

18 novembre 2013, 15 : 55 Stampa

Ar novo sinnico

Dal Rugantino n. 12998 di martedì 18 giugno 2013

Dato che avemo chiesto un cambiamento,
lei m’acconzenta, sinnico Marino,
d’esprimeje, sur fà de Rugantino,
l’auguri più sentiti pe l’evento.

Eh sì, perché ha stravinto, e so’ contento
de mette un fiore ar dio capitolino,
in quantoché ha schiaffato lo zampino
pe dà lo sfratto a quer «broccaccio spento».

Adesso, a li leghisti e ar Piddielle,
vista la susta che hanno arimediato,
j’è sorto un rodimento sottopelle.

Intanto Roma è senza più decoro;
però, quanno che lei sarà inzediato,
ce la rimetta in sesto e… bon lavoro!

Er Berzajere

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Rugantino , , , ,

Articoli correlati

Discussione chiusa