Cornetto d’oro del San Martino

15 novembre 2014, 23 : 14 Stampa

Cornetto d’oro del San Martino

Il premio poetico San Martino, organizzato dal Centro romanesco Trilussa, è giunto alla settima edizione e, come di consueto, si è articolato in due sezioni, una a tema generale e l’altra a tema scaramantico. Il vincitore della prima sezione è stato Mario Nicolamme, a cui è stato consegnato il cornetto d’oro (cornetto d’argento a Paolo Zeppilli e cornetto di bronzo a Giuseppe Bernasconi). Primo classificato nella seconda sezione è stato Nicola Zitelli. Riportiamo le loro poesie.

Nella foto: Mario Nicolamme, vincitore del Premio San Martino 2014, tra il presentatore Angelo Blasetti (a sinistra) e l’attore Renato Merlino

Primo classificato, cornetto d’oro

Er cornuto raggionevole

Appena oprì la porta Sarvatore

davanti a quela scena «fregarella»

sentì tremaje in panza le budella

e scoppiaje er cervello dar dolore.

 

E subbito cacciò la rivoltella.

A lui je disse:  ̶  Brutto traditore,

sei un omo morto, mo te sparo ar còre!

̶  Ammazzo puro a te, sposa mia bella.  ̶

 

Ma già vedeva er sangue sparzo a tera;

eppoi penzò a lo scannalo, ar processo,

ar pianto de li fiji, a la galera.

 

A testa bassa s’avviò a la porta,

scese le scale e disse tra se stesso:

̶  Guasi guasi l’ammazzo un’artra vorta.

Mario Nicolamme

 

Primo classificato, sezione scaramantica

Venerdì 17

Manco sorto de casa, stamatina,

e m’è zompato in groppa un criminale

che me corca de botte e me rapina,

tanto che so’ finito a lo spedale.

 

A lo spedale casco pe le scale

e vado a sbatte su ’na portantina

che me rovescia addosso un urinale

e me fracica, zuppo, co l’urina.

 

Ritorno a casa, cerco un’aspirina;

ma, pe la prescia, sbajo de cassetto

e ar posto suo ho bevuto… strichinina.

 

Un macello, che te lo dico a fà:

pensa, si nun ciavevo ’sto cornetto,

che cazzo me poteva capità!

Nicola Zitelli

 

Secondo classificato, cornetto d’argento

Dolòrese

̶  Quoque tu, fijo mio, fai er moralista?

È ’na risorsa umana, va… sfruttata!

Dolòrese ausigliaria era sprecata,

sicché er primario tuo, come l’ha vista…

 

vestita guasi gnuda a ’na serata,

j’ha fatto vince er posto de ferista

a chirurgia d’urgenza. Dio ciassista:

passa li feri tutta la giornata.

 

̶  Lo so, maestro. Dice ch’è ’n’artista:

je passa tutto e lui s’è… innammorato.

La moje, si lo pizzica, lo pista.

 

̶  Tranquillo, nun succede, è ’n’artruista.

Anna, la moje, fa… volontariato

co l’onluse de Lillo l’oculista…

 

Giorgio Tromba er dentista,

Giovazzo l’ortopedico, «er trivella»,

er cardiologo Massimo Cappella,

Felice Chiodofisso l’otorino,

Begnamino Batocco er portantino,

tre fisioterapisti penzionati,

quattro infermieri negri licenziati,

cinque studenti anziani fori corzo

più quelli che trombassimo ar concorzo…

La faccio corta, fijo bello: assiste

qualunque «caso» sofferente, triste.

Credeme, a paragone a la ferista,

Nannarella a passà je pìa ’na pista.

’Na notte, ar sesto orgasimo d’amore,

cià stroncato er magnifico rettore.

Paolo Zeppilli

 

Terzo classificato, cornetto di bronzo

Corna a norma de legge

Er duca Giangioconno Granbisonte,

imprennitore anziano e traccagnotto,

pe corpa de l’articolo dieciotto

mo s’aritrova co du’ bozzi in fronte.

 

La moje sua ha lassato certe impronte

che annava a inturcinasse ner gabbiotto

co un operaio smirzo e sempriciotto,

ma giovene e… co l’armature pronte.

 

Scoperto er fatto, er duca s’è addoprato

pe licenzià quer cornificatore,

ma s’è… scornato, poi, cor sinnacato.

 

Nun c’era da «invocà» la «giusta causa»

perché li dua faceveno l’amore

solo nell’ora e mezzo de la pausa.

 

Mo er duca, in andropausa,

cià puro er peso de cibbasse un guitto

e du’ corna ch’ariveno ar soffitto…

Giuseppe Bernasconi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Cultura & Spettacolo Miscellanea Roma Rugantino , , , , , , , , , , ,

Articoli correlati

Discussione chiusa