I primi cinque del San Giovanni

Le canzonette de San Giovanni

Méttece San Giovanni, «Facciafresca»,
la spighetta, er garofeno coll’ajo,
er bacetto, le streghe, quarche sbajo,
e fai la canzonetta romanesca.

Doppo ce vô la musica: se pesca
uno che te combini quarche rajo
e fa ’na ninna-nanna cór ritajo
d’un pezzo d’una musica todesca.

Quanno le canti pare che te lagni,
e li maestri, doppo ’ste canzone,
diventeno più Verdi de… Mascagni.

Forse sarà che cianno poca pratica:
dipenne tutto da la vocazzione
de musicà li sbaji de grammatica!

 

Trilussa
23 giugno 1893

Il centro romanesco che prende il nome dal celebre poeta ritenuto il maggiore dei post-belliani ha celebrato anche quest’anno il premio San Giovanni giunto alla settantaquattresima edizione. Pubblichiamo nell’ordine i componimenti dei primi tre classificati e dei due segnalati ex aequo.

 

’Na luna… esaggerata
di Nicola Zitelli

Stasera c’è ’na luna esaggerata
che nun s’era mai vista accosì bella:
buzzicotta, mielosa e invellutata
co li colori de ’na spaccarella.

Ner mentre rabbujava la serata,
ha fatto, pe un par d’ore, capoccella,
dietro a ’na nuvoletta spiritata
che voleva giocà a nisconnerella;

quanno l’amica in tulle s’è involata,
tinticata da un àlito de vento,
èccola ganza, a fà la comparzata.

Allora, scicchettosa e impallonata,
spasseggia, traverzanno er firmamento,
fintanto che scolora la nottata.

 

Quanno la Roma vince
di Paolo Buzzacconi

Dimme che co ’sta squadra so’ fissato,
che ar monno ce so’ fatti più importanti
e li probblemi so’ tarmente tanti
che ’st ’entusiasmo pare esaggerato.

Dimme che quer che è stato ormai è passato,
che nun ce stanno più manco li santi
né li poeti né li naviganti,
che ar giorno d’oggi è tutto pilotato.

Dimme che nun abbasta ’n ’emozzione
pe scancellà er dolore e la salita,
dimme ’ste cose e te darò raggione!

Ma nun me dì che è solo ’na partita,
che in fonno è solo er gioco der pallone.
Quanno la Roma vince, pe me è vita.

 

L’onna
di Paolo Zeppilli

Io la vorebbe cavarcà quest’onna,
fija peripatetica der mare,
assaporà le fantasie più rare
e rotolà co lei sull’antra sponna.

Scegne da sta cavalla
senza rimpianti, vecchio e soddisfatto,
er giorno che me chiederà un riscatto
e nun ciavrò le forze pe pagalla.

 

La schiarita
di Elisabetta Di Iaconi

Quanno de notte piove e tira vento,
sto a riggiramme a letto impaurita.
Passo un par d’ora sveja ner tormento
e sento in core come na ferita.

L’estro me sarva da l’impazzimento
e schizzofatto ariva la schiarita.
Penzo a le stelle e tocco quell’argento.
Penzo a li fiori e ciò na margherita

che strigno ne le mano co dorcezza.
Arivedo un tramonto tutto rosa,
mentre che l’onna piano me carezza.

La mente m’arigala na maggia
e me presenta le bellezze a josa.
Ammano ammano torna l’alegria.

 

La notte de le streghe a San Giovanni
di Armando Luciani

La notte de le streghe a San Giovanni
è ’na notte tessuta de maggia
indò fa capoccella poesia
giovane sempre, cor passà dell’anni.

Notte speciale, notte senza affanni
indò se pò sfogà la fantasia
pe rievocà ’na Roma annata via
che riassomma… e te cura li malanni.

Sgommitola ’na giostra de ricordi:
le lumache, la scopa, la spighetta
e senti risonà puro l’accordi.

A punta d’arba er celo impallidisce,
mentre l’urtima strega vola e aspetta
de calà giù er sipario e poi sparisce.

Nella foto: Palazzo Santa Chiara, sede storica del teatro dialettale Rossini e attualmente del Centro romanesco Trilussa.

Articoli correlati