Il libro è di casa a Torino

Parola d’ordine: reagire. Il salone internazionale del libro di Torino sarà presente anche quest’anno dal 14 al 17 maggio: stavolta online e non al Lingotto come di consueto da una trentina di anni. Sarà un’edizione straordinaria, con un ricchissimo programma, non a caso intitolata Altre forme di vita: una vera ripartenza dedicata al virus «per capire cosa sta accadendo e che futuro avremo», come dichiara il direttore Nicola Lagiola.

È stato un sogno che si è realizzato e in una sola settimana le menti migliori di varie generazioni hanno accettato di partecipare alla manifestazione in diretta streaming, con il loro apporto multidisciplinare. L’esordio sarà il 14 maggio con l’intervento dello storico Alessandro Barbero che terrà una lezione in diretta dalla Mole Antonelliana. Nei giorni seguenti ci saranno nomi celebri in campo letterario, musicale, cinematografico e non solo: l’astronauta Samantha Cristoforetti, Katherine Rundell, Elisa Palazzi e Federico Taddia, Walter Siti che racconta Proust, Valeria Parrella che legge Alda Merini, Fabrizio Barca e Roberta Carlini, Vinicio Capossela, Luigi Mascheroni su Fruttero e Lucentini, Ottavio Fatica e Roberto Arduini sulla nuova traduzione del Signore degli anelli, il dj Linus e il cantautore Jovanotti, Catherine Camus, Roberto Saviano, Paolo Flores d’Arcais per un omaggio ad Albert Camus, il saggista indiano Salman Rushdie, Walter Siti, Nadia Fusini, la filosofa statunitense Donna Haraway, Paolo Rumiz.

La serata conclusiva sarà domenica 17 maggio con la maratona dalla Torre di Confino, ormai simbolo della manifestazione. Anche qui parteciperanno nomi di rilievo tra cui il trombettista Fabrizio Bosso, padre Bianchi con la lectio «Dio non lasciarci nella tempesta», Massimo Gramellini, l’immancabile Alessandro Baricco, il trasformista Arturo Brachetti e Roberto Saviano.

La fiera sarà presente su Rai radio tre con finestre interattive sul cosiddetto hic et nunc, il nostro contemporaneo esistere nello spazio e nel tempo che, nonostante il fermo globale di questa lunga pandemia, sta comunque prendendo forma. La kermesse letteraria ed intellettuale enuncia un significativo messaggio per far capire al mondo dei lettori che la cultura non si ferma davanti a cancelli chiusi né tanto meno di fronte a un virus. L’augurio è naturalmente quello di poter partecipare in carne ed ossa al reale salone che, se tutto andrà per il meglio, si terrà ad ottobre nella sua sede abituale del Lingotto Fiere.

Mara Valsania

Salone internazionale del libro, 33ª edizione (digitale). Altre forme di vita. Dal 14 al 17 maggio. Info: www.salonelibro.it; piattaforme su facebook, instagram e twitter. Collegamenti su Rai radio tre.

Nella foto: Katherine Rundell

Articoli correlati