Il nuovo che avanza a Shangai

Ancora una volta la laboriosità e meticolosità del popolo cinese riesce a sorprenderci. In questi giorni è infatti stata realizzata la copertura in acciaio della gigantesca biblioteca per bambini di Shanghai che dovrebbe essere ultimata nella seconda metà del prossimo anno. Un edificio all’interno di un parco di sedicimila metri quadrati che si ispira al famoso dipinto dell’impressionista Claude Monet Lo stagno delle ninfee, armonia verde: un giardino giapponese senza profondità, attraversato da un ponticello in legno, con vari tipi di vegetazione esotica tra cui le immancabili ninfee nello stagno, all’interno di una gamma di colori dalle tonalità verdi e giallastre.

I lavori per la nuova sede della biblioteca, che vanta più di mezzo secolo di storia ed è destinata a contenere ottocentomila libri, sono iniziati nel 2018 e in questa fase si sono conclusi con una settimana d’anticipo, nonostante i rallentamenti per l’insorgenza pandemica, dimostrando una esemplare capacità di rispetto dei tempi e metodi di lavoro. I disegni degli interni della struttura imitano l’immaginaria biblioteca di Babele, raccontata negli anni quaranta dallo scrittore argentino Jorges Luis Borges, che ha dato forma ad un universo di spazi con sale esagonali. Nel progetto reale le scale saranno a chiocciola e gli scaffali arrotondati creando uno spazio fantasioso per tutti i piccoli frequentatori.

Mara Valsania

Nella foto: Claude Monet, Lo stagno delle ninfee, armonia verde (particolare)

Articoli correlati