Non si vota a sedici anni

Elezioni anticipate nel Regno Unito il 12 dicembre: lo ha deciso la camera dei comuni respingendo un emendamento del laburista Jeremy Corbyn che indicava il 9 in alternativa al giorno suggerito dal governo. Ma nello stesso tempo, a parte le date, il vice speaker Lindsay Hoyle ha dichiarato inammissibili le proposte di concedere il voto ai sedici o ai diciassettenni, come talvolta si è ventilato da noi. Qui si continua a parlare della nuova legge elettorale: un testo condiviso è stato promesso entro la fine dell’anno dai capigruppo che assieme al ministro Federico D’Incà hanno partecipato al vertice di maggioranza sul tema delle riforme. Un altro incontro collegiale sarà dedicato quest’oggi alla manovra economica, per la quale secondo fonti governative si dovranno definire gli ultimi dettagli prima di presentarsi in parlamento. Nessuna ripercussione a livello centrale della disfatta umbra, ma per il futuro Luigi Di Maio esclude la presentazione di liste comuni con altre forze politiche.

Lillo S. Bruccoleri

Nella foto: Lindsay Hoyle

Dal quotidiano La certezza di mercoledì 30 otttobre 2019

Articoli correlati