Panorama elettorale

La Svizzera elegge il parlamento più giovane della sua storia, aumentando anche la componente femminile, in un paese che è stato tra gli ultimi a riconoscere nel 1971 il voto alle donne: a seguire solo il Portogallo nel 1976 e il Lichtenstein nel 1990, ma è soltanto a partire da questo anno che esse hanno ottenuto l’elettorato attivo e passivo in ogni singolo cantone. Nel consiglio nazionale, l’equivalente della nostra camera dei deputati che conta duecento componenti, sono in forte crescita i verdi e perdono consensi i quattro maggiori partiti che tuttavia hanno la rappresentanza più consistente, ad eccezione dei popolari democratici che perdono la quarta posizione. Rinuncia in Israele all’incarico di governo Benyamin Netanyahu. Aperta in Canada la sfida tra il premier liberale uscente Justin Trudeau e il leader conservatore Andrew Scheer: tra loro tremila chilometri di distanza, poiché l’uno vota nella provincia orientale francofona del Quebec e l’altro nella zona centrale del paese.

Lillo S. Bruccoleri

Nella foto: esultanza verde nella Confederazione elvetica

Dal quotidiano La certezza di martedì 22 ottobre 2019

Articoli correlati