SOTTO A CHI TOCCA

20 novembre 2013, 13 : 13 Stampa

SOTTO A CHI TOCCA

Dal Rugantino n. 13004 di martedì 30 luglio 2013

 

Pe nun sentì le solite parole

che spareno in tivvù li governanti

so’ ito ar mare in mezzo a li bagnanti

che stanno a incotechisse sotto er sole,

ma puro lì c’è l’anzia de discore

e pòi sentinne dì d’ogni colore.

 

Mentre che stavo a lèggeme er «Coriere»

ho inteso chiacchierà ’na signorina

che stava a riccontà a la su’ vicina:

– Me la so’ fatta oprì da un cammeriere! –

Poi ho capito che la «svergognata»

parlava de ’na boccia d’aranciata.

 

De fianco a me, sdrajata su un lettino,

’na donna infagottata ner kimono

diceva: – Mi’ marito nun è bono,

pe cui me lo fo mette dar bagnino… –

«Che còre!» ho detto… Poi la spiegazzione

 che lei se riferiva a l’ombrellone.

 

– Oggi de dietro ancora nun l’ho preso! –

diceva ’na regazza proletaria

che stava lì davanti a panz’all’aria.

Embè, ho penzato male, ma ho frainteso:

quer che nun ha pijato la matina

era sortanto er sole su la schina.

 

Così, tra un Frate Inteso e Fra’ Stornato,

ho capito le norme der convento:

ner sentì l’antri devo stà più attento

pe nun confonne er brocco cor broccato;

e quanno sento dì: – Nun je l’ho data! –

ho da penzà a ’na foja d’inzalata.

 

Ecco perché, quanno ho sentito un tale

venuto su la spiaggia p’abbronzasse

a dì che mo ce leveno le tasse,

ho immagginato er parco nazzionale.

– Pòre bestiole, – ho detto – quest’è un danno!

Li tassi mo co chi s’accoppieranno? –

 

Giuseppe Bernasconi

 

Dal Rugantino n. 13001 del 9 luglio 2013

 

Satana, Farfarello e Berzebbù

cianno ’na divergenza d’opinioni

sur posto indove mette Berlusconi

quanno che se presenterà laggiù,

perché sicuramente er Padreterno,

ce pòi giurà, lo mannerà a l’inferno.

 

Ma drento quale borgia? E in che girone?

Quer… demone, più furbo de ’na vorpe,

s’è caricato de millanta corpe

da nun sapé capà ’na punizzione

leggittima, adattabbile e pesante

seconno le codifiche de Dante.

 

Li lussuriosi, pe le scopatine,

je danno certamente er benvenuto,

o sconta tra li prodighi de Pluto

er vizzio de scialà co l’olgettine,

e qui o là, tra pupe maggiorate,

pò medità su certe su’… cazzate.

 

Ciavrebbe puro er posto prenotato

ne la categoria de li buciardi,

o in quella p’avé fatto li mijardi

cor trucco o co l’inghippi der mercato,

inzomma, co l’affari poco onesti

d’annà tra fraudo-lenti o fraudo-lesti.

 

C’è Caco, tra li ladri, che l’aspetta

pe fasse riccontà co che trucchetti

è annato a buggerà De Benedetti

facennoje le scarpe e… la scarpetta:

intigne prescrizzioni in tegamini

che je prepara er còco suo: Ghedini.

 

Pe mette fine a tutta la quistione

è intervenuto er capo de li diavoli,

che ha detto: – Zitti! È troppo presto, cavoli!

Berlusca campa ancora e sta benone.

Lassàmoje commette antri peccati,

eppoi… so’ cazzi poco zuccherati!

 

Giuseppe Bernasconi

 

Dal Rugantino n. 12997 di martedì 11 giugno 2013

 

Nun semo più quer popolo d’eroi

presenti in tante paggine de storia;

mo un trucido che sfoderava boria

pò «riposà» sotto un artare e poi

c’è in cronaca la scena d’un campione

che trucca le partite de pallone.

 

Nun semo manco più navigatori:

mo galleggiamo mejo tra l’imbroji:

annamo dritti dritti su li scoji

oppuro famo còce li motori.

Nun c’è più scopo de scoprì l’America,

ma de nun fà scoppià ’na crisi isterica.

 

In quanto a santi poi… lassamo perde!

Se dichi «Benvenuto Ci-Ellini»

scateni un movimento de quatrini

come gettoni su ’n tappeto verde,

indove c’è un crupié – San Raffaele –

che se rastrella un sacco de querele.

 

Nun semo penzatori come prima,

perché er penziero nostro s’è spostato

su la filosofia de l’incazzato

che, quanno che nun brontola, biastima

contro er governo o contro chi se sforza

de fà crollà le quotazzioni in borza.

 

Quelli che ce so’ ancora (e semo in tanti)

so’ li poeti, autori de rispetto,

che scriveno, ruzzanno cor dialetto,

curiosità romantiche o piccanti

co verzi in volo sopra er tenerume

o pronti a dà de frusta ar marcostume.

 

E ce incontramo un par de vòrte l’anno

pe tené vive in tutte le reggioni

quele «parlate» e quele tradizzioni

che, come fiori abbraccicati, fanno

una collana… messa in bella mostra

sur «davanzale» de l’Italia nostra.

 

Giuseppe Bernasconi

 

Dal Rugantino n. 12996 di martedì 4 giugno 2013

 

Passate l’elezzioni, semo ar «doppo»:

ciaspetta un ber governo tutto novo.

Ciaspetterebbe… Nun sarebbe troppo

armeno a Pasqua, messo drent’a l’ovo!

Ma a Pasqua c’era solo l’ovo tosto

e la sorpresa drento a un antro posto.

 

De fà er governo aspetta de diritto

a chi ha messo più voti in de la sporta;

ognantro ha d’attaccasse, moscio e affritto:

così s’impara a vince un’antra vorta.

Questo ha mannato tutto de traverzo:

tutti hanno vinto e nun ce sta chi ha perzo.

 

È toccato a Berzani trovà sbocchi

cor diritto de fà la prima mossa;

ha conzurtato –  fatti li tarocchi –

«No Tavve», «Vuvvueffe», «Croce rossa»,

«boyscaut» appresso e poi le deputate

de le mignotte vergini associate.

 

Ah! C’era puro Grillo e er Piddielle!

C’ereno li partiti piccinini!

Co Arfano s’è scambiato pappardelle,

ha fatto cri-cri-crì co li grillini:

pe mette in piede un mezzo governicchio

ha fatto mostra d’èsse un sartapicchio.

 

Ha preso inzurti co la cariola

e un bell’invito: annasse a fasse fotte

co tutti li mummioni d’arta scòla.

Pe Gargamella lì s’è fatta notte.

Finita a pesci in faccia la commedia

resta un culo a trovà pe quela sedia.

 

Grillo ce metterebbe – anzi ce ruga –

quarche culetto fresco de grilletti

che sanno de cicoria e de lattuga

e sogna tanti «sì» pe li «no» detti.

Ma questo l’averebbe da sapé;

cià d’aspettasse tanti belli: «Tiè!…»

Bruno Fiorentini

 

Dal Rugantino n. 12995 di martedì 28 maggio 2013

 

Sotto a chi tocca! Adesso tocca a lui.

Parlo der divo Giujo: e chi si none?

Fiutata l’aria de sti tempi bui,

s’è levato da qui co discrezzione.

Starà a zazzà lassù cor Padreterno

o a fregà puro er diavolo a l’inferno?

 

Diceva: «Penzà male è un gran peccato…»

e aggiontava: «ma spesso ce s’azzecca!»

Ner dubbio che sii a fonno o sii beato,

io nu’ me macchierò de tanta pecca.

Affari sua! Pesato er bene e er male

se la vedrà lassù cor Principale.

 

Quaggiù farà li conti co la storia.

Si lei lo piazzerà sur piedestallo;

si, invece, dannerà la su’ memoria,

artri ce lo dirà. Campa cavallo…

Ma, sentenno li fischi ne li stadi,

la gente ha scerto. E vadi come vadi.

 

Ner «potere» ha trovato er su’ conforto.

«Logra chi nun ce l’ha», diceva er divo;

ma vero è che un ingrippino morto

è sempre mejo d’un collega vivo.

E ingrippini de questa e peggio lega

ce stanno a mazzi drento a sta bottega.

 

Tutto pe noi l’ha fatto. Sottotraccia.

E quarch’ingrippo pe li cazzi sui.

(Quest’antro te li sbatte su la faccia

e vò l’assoluzzione… perché è lui!)

Fatto er confronto, resto co li dubbi:

è peggio un «bacio» o inchiappettasse Rubbi?

 

In una cosa armeno era diverzo:

li giudici ’gnisempre l’hanno assorto;

ciaveva er modo de pijalli a verzo

e, si c’era un segreto, mo è seporto.

N’ha fatte tante, ma… scorza la lista,

nu’ je perdono d’èsse romanista.

 

Bruno Fiorentini

 

Dal Rugantino n. 12993 di martedì 14 maggio 2013

 

Doppo ’na lotta tra giganti e gnomi

combattuta su un fiore co le spine,

ecco che ar quinto scontro duro, arfine,

ce sorte, fòr de rosa de li nomi,

un nome nòvo… vecchio, ma efficente:

Napolitano è ancora presidente.

 

È ’r risurtato de lo spojarello

(in quanto ha messo a nudo un fallimento)

de tante schede drent’ar parlamento:

ciovè la scerta de chi cià er cervello

e che cià er merito e un onore tale

da mette er culo a sede in Quirinale.

 

Ma bigna dì che lì c’era un partito

che j’è partita in parte mezza brocca,

ch’è quer Piddì che co la mazzarocca

ha dato callalesse e demolito

er propio candidato temerario

scerto da Pirla Giggi, er segretario.

 

Intratanto er partito che nun parte

de li grillini nun moveva un passo

da indove s’era messo a fà fracasso;

così è venuto a smazzettà le carte

er pocherista co la vista bona

che te scoperchia un «fulle» e te cojona.

 

Riccastro Magno, è inutile negallo,

co finte e controfinte è annato in meta

e co l’aiuto de la dea moneta

se pò permette de restà a cavallo

e galoppà co grinta e co mestiere

verso la riconquista der potere.

 

Bersani sta a leccasse le ferite

e Grillo, che magara è stato un grullo,

ha rimediato quarche vaffancullo

da quelli che credeveno salite

le quotazzioni de Romano Prodi,

che invece è giù… a strillà: «Robba da chiodi!»

 

Giuseppe Bernasconi

 

Dal Rugantino n. 12992 di martedì 7 maggio 2013

 

Evviva! Mo ar governo c’è un governo,

ché semo sperzi, ve lo dice Bruno

(Bruno so’ io), si, a parte er Padreterno,

nun te la pòzzi prenne co quarcuno.

Mo, finarmente, c’è! Se chiama Letta

e aspetta chi lo scortica e l’affetta.

 

Berlù guarda lontano co raggione

nemmanco che ciavesse er telescopio,

peccui vorebbe fà ’na commissione

p’aggiustà la giustizzia a modo propio.

Ce se vedrebbe presidente ar bacio,

calato come un sorcio in mezzo ar cacio.

 

«Piove», se usa dì, «governo ladro!»

E nun se sbaja mai, ma qui nun piove;

peggio der crima, annato forasquadro,

è un grandinà de croci, vecchie e nove.

E l’Imu… l’Iva… e tanti artri crocioni

e tutti in fila come li vagoni.

 

Ma mo s’aggiusta tutto. Ecco ar «tesoro»

un Saccomanno, er Più de li banchieri,

perché so’ bravi (a fà li cazzi loro).

A le «opportunità»… Ma semo seri!

L’eletta spara a palle incatenate 

su coppie gay, sposate e nu’ sposate.

 

Er quadro? L’esodati senza sòrdi;

chi sta disoccupato e nun fa un corno;

la gente che s’attacca a li ricordi:

era bello magnà tre vorte ar giorno!

Chi ne la crisi trafica e s’impanza

e chi s’attacca. A un trave de la stanza.

 

Bruno Fiorentini

 

Dal Rugantino n. 12991 di martedì 30 aprile 2013

 

Ner Quirinale c’è ’na bella sedia

che aspetta solo un par de belle chiappe

e ’gni sett’anni danno una commedia

scartanno quelle mosce e quelle gnappe.

Ché tanti hanno magnato l’erba-vojo

pe mette er culo sopra l’arto sojo.

 

Tant’artri, poi, che canteno ner coro

vorebbeno pe amico chi sta a pollo;

se sa: un amico è mejo d’un tesoro

e la scerta va fatta cor bemollo

pe via che – doppo – lui, riconoscente,

pò fà li bozzi a tutta l’artra gente.

 

Un mese de comprotti carbonari

e spunta Rodotà cor sor Marini,

ma Rodotà nun piace a li pupari

addetti a fà ballà li burattini.

A questi de ballà nu’ je va più:

solato er poro Franco. Ammen-Gesù.

 

– Famo da soli, puro si te rodi! –

fece l’uno all’antro, incarognito.

Guarda come se fa: bécchete Prodi! –

Tutti d’accordo, fori e ner partito.

Nun propio tutti, ché – appostati a branchi –

c’ereno cento tiratori franchi.

 

Rodotà sempre in mezzo come Cacco

che se ròde: nisuno se lo fila!

Ma bisognava rimedià a lo smacco

e mette un antro pollo ne la pila.

C’era Napolitano, poro vecchio,

che puro a lui rodeva da parecchio.

 

Tempo de carestia, pane de veccia!

Tocca adattasse e, guasi a novant’anni,

ha fatto véde a quela crapareccia

quali cosette cià sotto li panni.

Che, si cor nome suo se pò chiamalle,

fai presto a dì: se chiameno: le palle.

 

Bruno Fiorentini

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Roma Rugantino , , , , , ,

Articoli correlati

Discussione chiusa