Vertice informale

Il capo della diplomazia israeliana Gabi Ashkenazi incontra i colleghi europei a Berlino e pone il problema della possibile acquisizione iraniana di armi atomiche: siamo preoccupati che si possa arrivare a una gara sul nucleare che non sarebbe utile per la stabilità della regione; speriamo che gli stati dell’Unione e non soltanto la Germania la evitino. Nella capitale tedesca si tiene il consueto vertice informale dei ministri degli esteri, presieduto dall’alto rappresentante Josep Borrell, per esaminare gli sviluppi geopolitici che ad agosto hanno conosciuto momenti destabilizzanti: esplosione catastrofica a Beirut, colpo di stato in Mali, tensione tra Ankara e Atene per le esplorazioni nel Mediterraneo orientale, rivolta in Bielorussia per la contestata rielezione di Alexandr Lukashenko, probabile avvelenamento dell’oppositore russo Alexei Navalny. Quanto alla crisi greco-turca, Borrel annuncia di voler presentare un ampio spettro di opzioni in aggiunta allo strumento delle sanzioni.

Lillo S. Bruccoleri

Nella foto: Gabi Ashkenazi

Dal quotidiano La certezza di venerdì 28 agosto 2020

Articoli correlati