Finestrella

17 novembre 2013, 22 : 05 Stampa

Finestrella

Dal Rugantino n. 13000 del 2 luglio 2013

 

Si a ’gni suspiro ce nascesse un fiore
e si l’occhiate fussero canzone
tu, finestrella ciuca de l’urione,
saressi er paradiso de l’amore!

Tu nun t’accorghi si me trema er côre
quanno te passo avanti, e fai benone;
hai visto più d’una generazzione
che soffriva er medesimo bruciore…

Prima c’era Nannina, mo c’è Rosa,
domani chi lo sa, finestra bassa?
Forse incornici ’n’antra scivolosa

che co’ li côri umani ce se spassa…
Ma tu, finestra, nun sei pensierosa
e seguiti a guardà chi trema e passa.

Armando Luciani

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Rugantino , ,

Articoli correlati

Discussione chiusa