Natale con i poeti del centro romanesco Trilussa

Si è svolto nel corso del tradizionale incontro natalizio del centro romanesco Trilussa il premio poetico a tema: i partecipanti dopo ogni declamazione sono stati votati dai componenti della giuria estratti a sorte tra i presenti, che hanno concorso con la giuria tecnica a determinare il punteggio finale. Ha vinto Paolo Buzzacconi con «Un rigaletto», seguito da Anna Caterina Marino con «Era Natale». Al terzo posto si sono classificate ex aequo Anna Laura Bruni con «L’avvento»  ed Elisabetta Di Iaconi con «La consolazzione de Natale». L’ispirazione lirica si collega a momenti della vita quotidiana, ma anche ai temi di più scottante attualità come quello della crisi occupazionale, che nel sonetto vincitore emerge «a sorpresa», secondo la migliore tradizione, solo nell’ultimo e fatidico quattordicesimo verso.

Nel corso della manifestazione è stato ricordato Lando Fiorini, mentre si è potuta sentire un’altra storica voce della canzone romana: quella di Giorgio Onorato, il mitico interprete di tante melodie nell’indimenticabile trasmissione radiofonica «Campo de’ fiori», che in questa occasione si è esibito anche in un delizioso duetto con il soprano Marcella Croce de Grandis. Pubblichiamo di seguito i testi delle quattro poesie premiate.

Un rigaletto

di Paolo Buzzacconi

primo classsificato

 

Caro Gesù Bambino benedetto,

nun cestinà ‘sta letterina mia,

ché io mica te chiedo ‘na follia:

a me m’abbasta solo… un rigaletto.

 

La machina, lo so, cià quarche annetto,

però va ancora che è ‘na meravìa

e poi così nisuno se la pìa

e io nun ciò er terore der «graffietto».

 

Casa è un po’ piccoletta, ma me piace;

mi’ moje e li parenti – bontà loro –

me vonno tutti bene e campo in pace.

 

Però è da un po’ che me manca er decoro,

ché ogni rinuncia brucia come brace.

Ner pacco mio, famme trovà un lavoro!

 

Era Natale

di Anna Caterina Marino

seconda classificata

 

Nella soffitta, tutto imporverato,

lo scatolone de Natale aspetta.

Lo porto in braccio fino a la stanzetta

che odora de passato.

 

Ricordi, sogni, tenere emozioni,

come da un vecchio, logoro forziere,

sorteno fòra: antiche primavere

de passate stagioni.

 

Un sacco tutto pieno de palline,

stelline, nastri, angeli dorati

e pigne, fiocchi, tutti illuminati

da mille candeline.

 

Nello sbrilluccicà de ‘na pallina

me pare quasi de vedé ‘na mano

forte, sicura, e poco più lontano

‘na mano piccolina.

 

Fòri pioveva e dentro la cucina

sbrilluccicava un piccolo arberello.

Pochi ornamenti, eppure tanto bello…

… e Anna piccolina.

 

Passeno li Natali, mo è lontano

quell’arberello dentro la cucina;

eppure, mentre attacco ‘na stellina,

cerco ancora ‘na mano.

 

L’avvento

di Anna Laura Bruni

terza classificata ex aequo

 

Un sabato a novembre de matina

scennenno a piedi giù da Monte Mario

me so’ commossa avanti a ‘na vetrina

che anticipava er santo anniversario.

 

Cor suo sbrilluccicà ‘gni lampadina

pareva che sfojasse er calennario

vincenno l’ombra quanno s’avvicina

co la bontà e la pace pe divario.

 

Un arberello fatto de filoni

a gradazione ne l’orizzontale

vò ricordà alla gente d’esse boni

 

come li pani esposti a pennoloni

e gridà a tutti quanti che er Natale

è ricco puro co poveri doni.

 

La consolazzione de Natale

di Elisabetta Di Iaconi

terza classificata ex aequo

 

Se crede che la festa de Natale

nun cià più la bellezza de na vorta.

È solo na faccenna commerciale:

la religgione da tant’anni è morta.

 

La gente nun ce penza a la morale:

quello che conta è d’ariempì la sporta.

Sò li quatrini er fatto principale!

Ma noi cercamo chi ciariconforta.

 

Ce dà speranza er Bambinello santo

e ce comanna de volecce bene.

Quer giorno er core nostro scioje un canto

 

empito d’alegria: mò è nato

chi co l’amore scaccerà le pene

e darà vita ar monno inzanguinato.

 

Nella foto: Paolo Buzzacconi con la coppa del primo premio sul palco con il presidente del Crt Porfirio Grazioli e il presentatore Angelo Blasetti.

Articoli correlati